L’irresistibile fascino dei libri usati

Mi piacciono i libri usati, molto spesso li preferisco a quelli nuovi.
Con pochi soldi, a volte meno di una rivista, porti a casa storie straordinarie e imprevedibili, racconti di nicchia, grandi messaggi incompresi oppure… lasciati andare e rimessi nel flusso delle cose.
Li trovo ai mercatini, nel reparto outlet di qualche libreria, su uno scaffale del book crossing.

Mi piacciono i libri usati perché raccontano storie ma ne hanno una propria.
Di recente ho letto ‘l’Albergo delle donne tristi’, di Marcela Serrano. Lo ho acquistato a soli 3 € nel reparto outlet della libreria IBS della città.

Fra l’altro, peccato, di recente la libreria ha cambiato insegna, c’è sempre il reparto usato ma… mi sembra di aver perso un amico con questo cambio e devo ancora prendere confidenza con il nuovo spazio, che per ora mi sembra ancora un po’ ostile nonostante le libraie siano sempre le stesse.

Tornando al libro: è un romanzo, dice la sinossi, ‘dedicato alle ombre dell’anima femminile, una storia che si apre alla luce della confidenza, della complicità, della parola condivisa.’ Su un isoletta a sud del Cile c’è un insolito albergo per donne bisognose di conforto e di cura del cuore, di un nuovo futuro e di nuove radici.
Il libro va molto a fondo, in modo insolito, nelle pieghe dei grandi e piccoli drammi che interessano le donne in quanto esseri umani tout court, ma anche in quanto appartenenti a genere femminile in una società che, almeno in parte, per tanti versi si trova come me nei confronti della nuova libreria: non ha ancora capito cosa è successo, né perché, né come comportarsi; rimane aggrappata a vecchi modelli che le danno conforto e rassicurazione e legge il mondo con un occhio ormai vecchio, cieco e stanco con cui spera -erroneamente- di orientarsi in una dimensione nuova in cui regole, posizioni e ambiti sono cambiati in modo irreversibile.

Chissà perché questo libro è finito nel reparto usato.
Forse per qualche ‘tinta rosa di troppo’ che nemmeno io ho amato (ma che ho trovato, tutto sommato, trascurabile)?
Perché non è piaciuto in generale o non è stato particolarmente significativo per chi lo aveva in precedenza?
Perché, all’opposto, è piaciuto molto e chi lo aveva ha voluto farlo leggere ad altri?
Perché apparteneva a qualcuno che ora non c’è più e le cui stanze sono state sgomberate?

Non è affascinante il passato dei libri? 

3 pensieri su “L’irresistibile fascino dei libri usati

  1. giusymar ha detto:

    Molto affascinante il passato dei libri.
    Molto.
    Ho iniziato ad apprezzarlo molto tardi. Andando a Genova la settimana prima di Natale. C’è un ricco assortimento di libri proprio in centro sotto la Galleria. Ne ho portati a casa di bellissimi a pochi euro. Poi è bellissimo prestarli agli amici, colleghi, parenti….
    Unico mio problema non presto mai quelli che non mi hanno convinto, quelli che mi hanno lasciata fredda o peggio mi hanno caricato di noia.
    Così finisce che i migliori sono sempre in viaggio a casa di altri.
    Avevo deciso di riacquistarne alcuni, ma poi do in prestito anche quelli e ricomincia il gioco.
    Quando ero giovane non lo avrei mai fatto. Ora mi dico che la bellezza va condivisa. Sempre.

    "Mi piace"

    • Sarah ha detto:

      Hai ragione, ci vorrebbe più spesso questo atteggiamento di condivisione. Tendiamo sempre a tenere le cose belle per noi, materiali e non; invece, ‘rimetterle nella corrente’ sarebbe -anzi, è- un gran dono che si può fare.
      Certo, spesso dobbiamo fare i conti con un po’ di attaccamento che, tante volte, quando si tratta (anche) di libri, è parecchio accentuato 😉

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...