5 + 1 romanzi storici

Di recente mi sono trovata a parlare di romanzi storici con una persona, ce ne siamo consigliati alcuni. Le ho promesso un post sul tema e, quindi, eccomi qui.
Ho pensato di consigliare la lettura di 5 romanzi storici ‘particolari’ (più un extra che storico non è ma che nella lista stava bene).
Sono romanzi di ambientazione storica, ma tutti molto diversi uno dall’altro; trovo possano essere apprezzati da molti, non solo dagli appassionati del genere.
Ecco i miei 5 romanzi storici (forse) preferiti più un extra.

1) Ivanhoe, di Walter Scott
Lessi questo libro al liceo, fu di fatto il primo romanzo storico vero e proprio che approcciai. Non fu in effetti solo il primo romanzo storico per me: è considerato il primo romanzo storico in assoluto. Per chi ama il genere, è una tappa obbligata 😉
Ivanhoe faceva parte del programma di letteratura proposto della mia insegnante del liceo, lo steso che ci portò a leggere Le Nebbie di Avalon per il genere fantasy e La favola di Eros e Psiche per la mitologia.
Mi ricordo ancora un istante preciso in cui, sdraiata su una panca di legno sotto un albero al parco del Ticino, stavo leggendo questo libro.
In ogni caso: la storia si svolge in Inghilterra, nel XII secolo. E’ il periodo della contrapposizione fra Sassoni e Normanni e Wilfred di Ivanhoe è proprio un sassone. Suo padre è un ‘fondamentalista sassone’, che vuole solo sassoni al suo cospetto, sogna di consolidare la stirpe sassone dando la figlioccia Rowena in sposa a un nobile di quella estrazione e ha diseredato Wilfred perché ha seguito re Riccardo (che è normanno) nella Terza Crociata. Quando Wilfred e Rowena si innamorano, le cose si complicano.

2) La ragazza con l’orecchino di perla, di Tracy Chevalier
Ho trovato questo libro allo scambialibri; mentre lo leggevo ho realizzato di aver visto un pezzo del film, con Scarlett Johansson.
Racconta di Griet, la figlia di un rinomato decoratore di piastrelle della città olandese di Delft. Griet ha un talento innato per il colore, d’istinto mette in sequenza cromatica le verdure che cucina, ad esempio. Il pittore Vermeer cerca una domestica e chiede di Griet, anche (e soprattutto) forse perché la sente affine a sé. La vita a casa di Vermeer è dura, il lavoro di serva è difficile e la moglie del pittore si rivela ostile nel momento in cui si rende conto che il marito ha un particolare legame con la ragazza e le consente di fare cose agli altri proibiti, come trascorrere tempo nel suo studio e avvicinarsi ai suoi colori e ai suoi quadri. Nel segreto di un accordo intimo e fragile, Griet fa da assistente e poi da modella a Vermeer. Fra i due c’è una particolare alchimia, Griet è la sola che il pittore ritenga in grado di capire la sua arte; è un legame come fra danzatori, profondo e indissolubile… ma limitato all’esercizio della loro arte. I due hanno senso di stare insieme solo nella sfera della pittura.
La narrazione è pittorica e leggera, piacevole; la storia vivida, sembra essa stessa un dipinto fiammingo in cui immergersi per passeggiare, per qualche ora, fra i canali di una Delft divisa fra cattolici e protestanti.

3) Grania, Morgan Lywelyn
Questo libro mi fu prestato da un’amica toscana. Racconta la storia di Grace O’Malley, la regina dei mari d’Irlanda, una celebre piratessa del XVI secolo. Il romanzo ripercorre la storia di Grania: dall’infanzia al matrimonio con Donal O’Flaherty, all’incontro con Elisabetta Tudor, alla morte. Grania è figlia di un capo clan e abile mercante marittimo; dal padre impara la vita del mare, che condurrà poi da sola per badare agli affari del suo popolo. La vita in mare è complicata e la pirateria fa spesso capolino, soprattutto quando sorge la necessità di provvedere al proprio popolo e di proteggerlo dalle mire e dagli attacchi della corona inglese che vuole assoggettare l’Irlanda.
Grania diventa presto una minaccia e gli inglesi vogliono fermarla; a un certo punto la cattureranno e lei sarà portata al cospetto di Elisabetta Tudor, regina di fronte a regina. C’è una scena brevissima ma pazzesca in cui Grace dà un sonoro smacco a Elisabetta e agli inglesi: starnutisce e qualcuno le porge un fazzoletto. Lei soffia il naso e poi getta il fazzoletto nelle fiamme del camino. Di fronte alla corte stranita, Elisabetta informa Grace che in Inghilterra è buona creanza infilare il fazzoletto usato nella manica; Grace ribatte che in Irlanda si disapprova un comportamento così sciatto come tenere stoffa sporca a contatto col corpo. Tutto il libro vale quelle poche righe, quando parteggi per Grania.
Ok, tranquilli, non è spoiler: è un fatto che pare sia successo effettivamente e si trova nei libri di storia.

4) Lo scudo di Talos, di Valerio Massimo Manfredi
Altro libro parte delle letture del liceo. E’ stato il primo libro di Manfredi che ho letto. Racconta di Talos, lo storpio, sopravvissuto alla rupe Tarpea e -abbandonato dalla famiglia- allevato da un pastore. In quanto storpio, benché lo desideri tanto, non può intraprendere la carriera militare come vorrebbe ogni spartano. Il padre adottivo gli insegna a combattere con il bastone e a difendersi, lo allena duramente e lo prepara comunque a una vita militare. Questo significherà molto per Talos perché gli eventi lo porteranno a servire effettivamente Sparta nella guerra contro i Persiani.
Emozionante, a un certo punto, la comparsa di FIlippide, il soldato che corse da Maratona ad Atene per annunciare l’esito della battaglia.
Ma sono quarantadue chilometri!
E centonovantacinque metri.

(chi indovina la citazione? :-D)

5) Un filo di fumo, di Andrea Camilleri
Per chi è abituato a Montalbano, trovare a Vigata altri personaggi può suonare strano. Lo spaesamento passa in fretta, però, perché la storia si svolge alla fine dell’Ottocento ed è scritta in un siciliano più stretto e ruvido che proietta in una dimensione speciale. Sembra di vedere la terra riarsa costellata di fichi d’India, e di sentire il calore del sole di fine estate.
E’ settembre del 1890: la ditta ‘Barbabianca’, incaricata di custodire nei suoi magazzini una certa quantità di zolfo destinata a un cliente, in realtà ha venduto quel materiali a basso prezzo, per pura avidità.
Il piroscafo Tomorov, però, sta per arrivare al porto di Vigata per caricare lo zolfo e Barbabianca e figli devono darsi da fare per evitare il fallimento. Girano per ogni dove, nel tentativo di recuperare qua e là la quantità di zolfo mancante, ma non raccolgono certamente la solidarietà e l’aiuto del paese, considerando come si sono comportati in precedenza con i concittadini.
Mentre il tempo stringe e i pettegolezzi aumentano, dalla sua finestra Barbabianca guarda l’orizzonte con apprensione crescente, in attesa che spunti il filo di fumo della Tomorov.

Di ‘Il potere dei druidi‘ ho già parlato quindi non fa parte della lista, anche se merita. Ora veniamo al libro extra.

Un matrimonio in provincia, della Marchesa Colombi
E’ un extra perché in realtà non è proprio un romanzo storico. E’ uscito nell’Ottocento, ed è ambientato nell’Ottocento, quindi all’epoca era semplicemente un romanzo contemporaneo. Tuttavia dà uno spaccato di come si vivesse allora.
Però è ambientato nella mia città e riporta indietro nel tempo, quindi lo cito con piacere. 😀
Racconta la storia di Gaudenzia detta Denza (San Gaudenzio è il patrono di Novara, a proposito) che, semplicemente, cerca di condurre la sua vita in modo autonomo e indipendente dalle aspettative e dalle convenzioni della società e del suo contesto familiare. La ragazza si troverà, suo malgrado, a conformarsi a certe linee e ad accettare come normali aspetti del vivere che prima avrebbe rigettato. Chi non lo ha mai, mai, mai fatto?

2 pensieri su “5 + 1 romanzi storici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...