I libri con la dedica

Ieri sono stata a fare shopping librario al mercatino dell’usato e fra i tanti libri che ho sfogliato ne ho trovato uno con una dedica.

Lo ho lasciato lì sullo scaffale. Non è la prima volta che capita di trovare un libro con la dedica e mi chiedo sempre perché sia stato dato via: il libro non è stato gradito? La persona che lo ha ricevuto non c’è più e allora sono state smantellate le sue cose? Si sono guastati i rapporti con l’autore della dedica e ci si è, quindi, voluti liberare dei ricordi ne lo riguardassero?

Alcune dediche sono abbastanza ‘aride’, ma quella del libro di ieri mi è sembrata affettuosa. Chissà!

Non ho preso il libro perché gli sentivo l’emotività addosso. Strana sensazione da spiegare, vi è capitata?

Una volta ho acquistato -scientemente- un libro con dedica. Si intitola ‘Il paese dell’erica fiorita’, di Renzo Ricchi. La dedica nella prima pagina è firmata direttamente dall’autore, magari è stata fatta a qualche presentazione del libro, oppure l’autore è l’uomo a cui è intitolata (di cui sono riportati nome e cognome) si conoscono. Quello che mi ha fatto propendere per il sì, è stato il fatto che fra le pagine ci fosse anche il biglietto da visita dell’autore. Ho avuto a volte il pensiero di contattarlo, senza dirgli chissà che, solo che avevo trovato il suo biglietto da visita in un suo libro e che mi andava di salutarlo. Non lo ho fatto però. E se poi mi prende per una mitomane? 😂

In ogni caso il romanzo racconta di un uomo e del ricordo del suo legame profondo con una donna più giovane e digiuna del mondo ma molto saggia.

Per la maggior parte, il libro è un flashback. I due devono incontrarsi dopo tanto tempo nel luogo dove si sono conosciuti e dove è nato il loro amore platonico, ma lei non arriva e lui, con il passare dei giorni, ricorda i loro diversi incontri e le lettere che si sono scritti.

È un romanzo dallo stile molto lirico, un po’ lento, molto descrittivo e malinconico. Non so dire se mi sia effettivamente piaciuto. A volte la eccessiva ingenuità di lei mi ha dato ai nervi, altre volte la ho trovata tenera. Qualche volta mi ha dato l’idea che lui volesse essere Pigmalione. Nel romanzo c’è un sottofondo di senso di abbandono e di irreparabilità che lascia amarezza. Non è prettamente un libro felice, ma fa pensare alle conseguenze del non agire.

3 pensieri su “I libri con la dedica

  1. Sarah ha detto:

    Vero! 😀 Alla fine i libri usati hanno delle storie e raccontano delle storie. Sono dei metalibri!
    Sarebbe divertente provare a immaginare le storie di ciascun volume, questa cosa mi sta dando delle idee…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...