Gialli eleganti sulla Poltrona Gialla

Ho sempre amato i gialli.
Non i thriller, sia chiaro.
Parlo dei gialli classici, quelli deduttivi o investigativi, quelli con una punta di ironia e di leggerezza, quelli eleganti. Durante l’anno spazio molto fra i generi, ma d’estate tendo a svagarmi con un po’ di gialli in più. 

Di Andrea Camilleri ho letto tanto, di Arthur Conan Doyle parecchi romanzi, e mi sono divertita con un libro o due di buon numero di altri autori, come Marco Malvaldi e Carlo Lucarelli.

Di Agatha Christie, invece, ho letto poco, solo qualcosa di Miss Marple che però ai tempi non mi convinse (ma erano anni fa, rimedierò!). 
Di recente al mercatino dell’usato ho trovato a un paio di euro ciascuno delle belle edizioni di romanzi della signora Christie e ho colto l’occasione.

Per primo ho letto ‘Assassinio sull’Oriente Express‘, un classicone. Le pagine sono scivolate che è un piacere. Dopo tutto c’è Hercule Poirot!
Credo di aver visto tutti i film in cui è David Suchet a interpretarlo.  😬
Nel romanzo Poirot si trova sull’Oriente Express quando viene commesso un delitto. Sembra che un uomo, con gli abiti del capotreno, sia entrato da una finestra e fuggito poco dopo lasciando alle sue spalle il cadavere di un passeggero. Il treno è fermo non si sa dove per via di una tormenta di neve e in quell’ambiente gelido e congelato i passeggeri sono obbligati a una convivenza forzata e imprevista che costringerà a mettere in tavola le carte e svelare vicende passate che metteranno fortemente in dubbio la prima interpretazione dei fatti. Finale sorprendente e dolceamaro.
Se non avete visto il film del 2017, ve lo consiglio, trovo sia una trasposizione molto buona del libro e che le atmosfere create siano molto adatte alla storia.

Il secondo turno di lettura è toccato a ‘Miss Marple: giochi di prestigio’.
In questa storia le finestre finiscono per giocare un ruolo inatteso. La gentile Miss Marple, pregata da una sua vecchia compagna di scuola preoccupata per la sorella, si reca in visita alla immensa villa vittoriana di Stonygates. Qui, Lewis Serrocold, marito della sorella dell’amica di Miss Marple, ha aperto un centro di rieducazione di giovani delinquenti. Bizzarri inquilini a parte, nell’istituto c’è una strana atmosfera, vagamente sinistra, che accentua le divergenze tra i membri della famiglia. Quando si scopre l’assassinio di un giovane filantropo socio della Fondazione, la polizia inizia a indagare e sarà proprio Miss Marple, con i suoi modi pacati e la sua capacità di capire l’animo umano a ricoprire un ruolo determinante nella risoluzione del caso svelando l’illusione creata da un abile prestigiatore.


Ora sto leggendo ‘Poirot sul Nilo‘ (fra l’altro ho appena scoperto che il 15 settembre è stato il compleanno di Agatha Christie, un buffa coincidenza).
Il libro mi sta piacendo, molto più di altri che poso un po’ mi hanno fatto perdere il filo. Mi piace il modo di introdurre i personaggi che poi si ritroveranno assieme in crociera: ciascuno è fotografato nel suo mondo e nel suo contesto, affiorano tendenze, passioni e tensioni e si iniziano a scorgere i diversi motivi che li porteranno a partire. Anche Poirot partirà, insolitamente in vacanza; ma per uno come lui la parola ozio no può esistere e le sue celluline grigie si dovranno presto mettere in funzione in tutta la loro fredda lucidità.

Nel mio piccolo gruzzolo rimane da leggere ‘Passeggero per Francoforte’, ma credo sia una storia del tutto slegata dalle altre. Vedremo, vi dorò.

Per ora, ‘frequentare’ questi tre libri ha confermato la mia tiepida affezione per Miss Marple. Alla sua fintamente ingenua astuzia, preferisco la mente calcolatrice e un po’ stramba di Poirot, ma sono simpatie che possono cambiare 🙂 Magari ho avuto solo un po’ di sfortuna e la prossima storia di Miss Marple ribalterà la classifica (se no aspetto il voto di Alessandro Borghese).

Voi cosa ne pensate? Preferite Hercule Poirot o Miss Marple?

3 pensieri su “Gialli eleganti sulla Poltrona Gialla

  1. Destinazione Irlanda & Uk ha detto:

    Adoro la Christie anche se l’ho scoperta soltanto qualche anno fa, sto recuperando le letture. Ne avrò letto una ventina soltanto. Anche io preferisco Poirot a Miss Marple ma, se posso consigliarti, con lei mi è piaciuto molto “La morte nel villaggio”, l’ho trovato molto scorrevole e dalla storia appassionante. E pensare che invece Agatha preferiva scrivere di Miss Jane Marple e non di Poirot! 😁😁
    10 piccoli indiani rimane, per ora, il mio preferito, insieme alla serie in tre episodi della BBC di qualche anno fa.

    "Mi piace"

    • Sarah ha detto:

      Grazie del consiglio! Lo cercherò volentieri 😀 Ho fatto un sondaggino su Instagram e pare che un po’ tutti preferiamo Poirot, povera Miss Marple!
      Ho letto solo 6 o 7 libri di Agatha Christie, mi sembra, devo recuperarne parecchi. Avevo iniziato da ragazzina, alle medie credo, e non mi avevano tanto entusiasmata quindi è passato del tempo prima che le dessi una seconda possibilità.
      Diciamo che probabilmente ero troppo piccola per apprezzarli e… che le serie televisive con Davide Suchet sono state determinanti per la rivalutazione totale! 😁😁😁😁

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...