Il giro immenso di Polissena del Porcello

Polissena del Porcello è come il volume che custodisce la sua storia (e pure come certi amori, diceva la canzone): fa dei giri immensi e poi ritorna.

Il libro, di Bianca Pitzorno, mi arrivò tanti anni fa, quando facevo le scuole elementari.
Una mia compagna di scuola mi regalava spesso dei libri presi all’edicola della sua nonna e i Miti Mondadori – o in questo caso I Miti Junior- erano molto popolari. Non so perché, non lessi subito il libro che rimase prima su una mensola, poi nell’armadio, poi nello scatolone del trasloco e poi finì in cantina.

Qualche giorno fa, frugando in cerca degli album dei Peanuts, mi è ricapitato in mano e, finalmente, ho scoperto la storia di Polissena, una ragazzina che, presa dalle sue fantasticherie, si domanda se è davvero figlia dei suoi genitori. E se così non fosse, potrebbe proprio lei essere una principessa perduta? O una stracciona?
Quando una compagna di scuola dalla lingua velenosa le dice che lei è stata adottata e che in paese lo sanno tutti, e quando la tata tentenna nello smentire quelle voci, anzi con la sua risposta balbettante le conferma, Polissena si decide: se ne va di casa in cerca della verità sulle proprie origini. A farle compagnia un porcellino donatole dalla Madre Superiora di un convento, e di Lucrezia, una indomita e saggia ragazzina artista di strada che viaggia per il mondo con la sua compagnia di talentuosi animali e ha bisogno di una sparring partner.

Da un posto all’altro, seguendo indizi e frammenti di informazioni, Polissena ripercorrerà il giro tortuoso della propria vita e scoprirà cosa accadde realmente 10 anni prima, continuando a oscillare fra un passato da principessa e uno da trovatella.
E quando, rimescolata nel profondo, avrà l’impressione di girare in tondo e ritornare al punto di partenza, sarà Lucrezia a darle la giusta chiave: “Anche noi saltimbanchi tutti gli anni facciamo lo stesso giro e torniamo negli stessi posti. Ma ogni giorno abbiamo storie nuove da raccontare.

Una favola divertente che racconta della fatica di conoscere se stessi e di quanto ogni avventura vissuta, ogni abilità acquisita e ogni lezione appresa possano essere le chiavi per uscire dalle situazioni più difficili, giungere alla meta e riconoscere la verità.
C’è un libro che anche ha fatto… un giro immenso prima di tornare da voi ed essere pronto ad essere letto?

3 pensieri su “Il giro immenso di Polissena del Porcello

  1. Sarah ha detto:

    Vero, le storie per bambini e ragazzi, quando fatte bene, hanno la capacità di passare grandi messaggi in modo leggero e divertente e di lasciare parecchi spunti per riflettere. Chissà se i bambini li colgono oppure no. Penso di sì, dopo tutto uno dei miei nipoti, interrogato su da dove arrivassero certe sue riflessioni, ha risposto ‘Da Zio Paperone’. 😀

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...