3 Cose che ho imparato da un uovo di Pasqua non riuscito

Domenica ho provato a fare in casa l’uovo di Pasqua ma ho dovuto rivedere i miei piani perché non è uscito come mi aspettavo: si è rotto tutto.

In realtà non sono riuscita a tirarlo fuori dallo stampo perché lo stampo in sé non era adatto; era una forma a uovo che una volta conteneva -credo- dei cioccolatini, ma non un vero e proprio stampo.

Così ho trovato una soluzione alternativa e ho rilavorato il cioccolato, anche se così ha perso la sua brillantezza, e ne ho fatto dei cioccolatini (fondente al sale) a tre gusti: limone candito, mandorla, e crema di nocciola.

In tutto questo ho realizzato che:

1. 🐣 Gli strumenti giusti sono importanti. Possiamo cercare di usare dei mezzi alternativi, addomesticare la verità è far finta che vadano bene lo stesso, ma il risultato sarà fragile e ciò che ne consegue rimarrà opaco

2. 🐣 Se utilizziamo dei modelli troppo rigidi la nostra forma non viene fuori. Ci vogliono morbidezza e flessibilità.

3. 🐣 Per giungere a grandi risultati ci vuole molta pratica che si ottiene a passi piccoli come delle praline.

All’inizio sembrano il piano B, ma in realtà sono le tappe del nostro allenamento e lì la creatività e l’ingegno si esprimono con preziosità. Poi ho preparato dei biscotti, avevo in mente da giorni la ricetta, piena di asperità e grumi danno sapore e croccantezza e rendono più sostanzioso il nutrimento.

Avete mai delle realizzazioni di questo tipo, magari proprio cucinando?

P.S. I biscotti sono venuti fantastici. Come si fanno?

LA RICETTA DEI BISCOTTI

Amalgama 100 g di burro morbido, 120 g di zucchero e 1 uovo fino a ottenere una crema.
Aggiungo 250 g di farina, 5 g di lievito per dolci, 1 bustina di vanillina, 50 g di uvetta, 50 g di fiocchi d’avena, 50 g di un misto di nocciole e mandorle sminuzzate grossolanamente.

Impasta tutto per bene fino a formare una palla, avvolgila nella carta da forno e lascia riposare in frigo per circa 30 minuti. Dopo stendi la pasta a uno spessore di circa mezzo centimetro, taglia i biscotti come ti piace (consiglio una forma semplice, come il cerchio, perché l’uvetta e la frutta secca creano piccoli grumi che possono ‘intralciare’ con le forme più complesse). Cuoci in forno caldo ventilato a 180°C per 15 minuti circa.

Di come ho fatto i cioccolatini racconto un’altra volta. 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...