Piccole storie del Dodecaneso: Patmos

Patmos è l’isola più settentrionale del Dodecaneso, ed è costituita da tre blocchi vulcanici brulli uniti l’uno all’altro da sottili istmi. 

Per secoli l’isola fu roccaforte di pirati saraceni. Poi, nel 1088, a San Chrstodoulos fu concesso di istituire un monastero in onore di San Giovani il Teologo.

Il monastero, patrimonio dell’UNESCO dal 1999, sorge in cima alla Chora, la città vecchia; fra la Chora e il porto naturale di Skala c’è la Chiesa dell’Apocalisse e lì accanto la Grotta di Sant’Anna dove la leggenda vuole che il santo, ispirato da Dio, abbia trasmesso al suo discepolo Prochus i versi dell’Apocalisse contenuti nel Libro delle Rivelazioni. 

Arriviamo alla Chora di Patmos in taxi perché la baia dove abbiamo gettato l’ancora è distante circa 15 km via terra.

Risaliamo le colline e scopriamo file di mulini a vento e muri bianchissimi che contrastano con un tripudio di buganville e con la severa pietra grigia del monastero. L’ingresso al monastero (5€) consente la visita all’edificio e al museo dove sono custoditi oggetti preziosi che segnano la storia della fede dell’isola, il secondo centro spirituale della Chiesa Greca Ortodossa dopo il Monte Thos.

Nel museo vedo oggetti rituali, paramenti e dipinti che attribuirei al medioevo, ma leggo che sono del XV, XVI e XVII sec. Li osservo e penso: in Italia era l’epoca della grandi innovazioni di Leonardo, Michelangelo, Raffaello. L’evoluzione, l’innovazione, le notizie, le comunicazioni erano così più rarefatte e dilatate un tempo.

Il tempo si dilata anche passeggiando fra i vicoli silenziosi, stretti e morbidi, fatti di continui saliscendi e ricchi di piccoli tesori: una pianta di ‘basilico sacro’, decine di gatti, una bottega di oggetti stravaganti, una Vespa turchese, il profumo intenso di pane caldo, miele versato su teglie di baklava, involtini di sfoglia e verdure o carne speziata.

È ora di rientrare, il taxi torna a prenderci. L’autista si chiama George; un suo cugino vive a Pavia ma lui non è mai andato a trovarlo perché i bambini vanno a scuola ed è complicato incastrare le cose. Dice che di solito lui guida l’autobus per i turisti, ma con la crisi non c’era lavoro così lui ha aperto un’attività di noleggio auto e motorini e così se la cava. Piccole storie che fanno toccare la vita delle persone, non solo la bellezza dei luoghi.

Con il dinghy raggiungiamo la barca all’ancora. Le isole sono meravigliose, ma la trasparenza turchese e zaffiro del mare annulla ogni altro pensiero.

5 pensieri su “Piccole storie del Dodecaneso: Patmos

    • Sarah ha detto:

      sì, meraviglioso! Volevo pubblicare altre piccole ‘cartoline’ da altre isole, prossimamente le aggiungo. Non vedo l’ora di tornarci ed esplorare altri luoghi un po’… sospesi 🙂
      Saranno proprio così o sarà l’effetto vacanze?

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...